comar-filtri-passivi
comar-filtri-passivi2

Filtri passivi

Il filtro passivo è un'apparecchiatura elettrica realizzata con lo scopo di ridurre le componenti armoniche di corrente, generate da carichi non lineari o variabili in funzione del tempo. Il filtro passivo (Tuned filter) è realizzato accordando opportunamente in frequenza, una battuta di condensatori ed una reattanza trifase. I filtri della serie FA05 sono conformi alle normative europee per la bassa tensione.

Categoria: .

Descrizione prodotto

29Tensione nominale 400Vac (altre a richiesta)
Frequenza nominale 50 Hz (60Hz a richiesta)
Tensione circuiti ausiliari 230Vac (altre a richiesta) mediante trasformatore monofase.
Intervallo temp. di lavoro -5 / +40°C
Carpenteria In robusta lamiera d’acciaio, protetta contro la corrosione mediante trattamento di fosfatazione e successiva
verniciatura a polveri epossidiche colore RAL 7032 (altre a richiesta). Installazione per interno, in ambiente
non polveroso, al riparo da urti accidentali ed irraggiamento solare, favorendo la ventilazione.
Grado di protezione meccanica: esterno quadro: IP 30 (IP 40 / IP 54 a richiesta); interno quadro: IP 20.
Tipo di chiusura: a chiave per armadi h.1060 e h.1600mm, ad attrezzo equivalente per armadio h.2000mm.
Tenuta al corto circuito 10 kA secondo. Per valori superiori il filtrò dovrà essere condizionato da interruttori automatici o
sezionatori con fusibili, che potranno essere richiesti all’interno del quadro oppure installati a cura del
cliente sulla linea di alimentazione. In ogni caso gli impianti in cui le apparecchiature saranno collegate,
dovranno prevedere dispositivi di protezione contro il corto-circuito opportunamente coordinati per
garantire la selettività, che considerino anche la linea di alimentazione.
Ventilazione Forzata comandata da termostato.
Protezione termica Realizzata mediante due termosonde. La prima, con soglia d’intervento 35°C, comanda l’inserzione delle ventole di raffreddamento poste sul tetto. La seconda (50°C) provvede a distaccare il ramo filtro qualora la temperatura superi il limite massimo ammesso. Al cessare del fenomeno si ha il ripristino automatico.
Inserzione Manuale, oppure automatica pilotata a distanza (comandi a cura dell’installatore).
Alimentazione Diretta sull’induttanza di linea o sulla base portafusibili. Trifase + terra – ingresso laterale in alto (dx)
armadio h.1060mm (vedi schema meccanico); ingresso dal basso armadio h.1600mm e h. 2000mm.
Su morsettiera si ha la predisposizione per il collegamento dei segnali di controllo e le terminazioni di
contatti puliti NC + NA da 5A 250Vac, per la segnalazione d’allarme a distanza. Il comando a distanza
del filtro dovrà essere cortocircuitato nel caso di inutilizzo (es. gruppo elettrogeno).
Segnalazioni Sul fronte di ogni quadro è situata la segnalazione luminosa con luce verde per quadro in tensione, il selettore per l’inserzione del filtro con segnalazione di luce bianca, l’intervento della protezione amperometrica con
luce gialla e relativo pulsante di reset, l’intervento di massima temperatura con segnalazione di luce gialla.
Cablaggio i cavi di collegamento interno sono antifiamma del tipo N07VK CEI 20-22 II (a richiesta altro tipo di cavo).
Sui capicorda non preisolati il punto di connessione viene ricoperto con guaina termorestringente a lunga
Durata. I circuiti ausiliari sono opportunamente identificati, come da schemi elettrici forniti a corredo.
Teleruttori L’inserzione del ramo di filtro è ottenuta mediante un contattore tripolare, posto in serie all’induttanza e ai condensatori, dimensionato in modo ottimale per offrire una elevata affidabilità. Le bobine sono a 240Vac 50Hz (altre tensioni a richiesta).
Fusibili Il filtro è protetto da una terna di fusibili opportunamente dimensionata. Il sistema di protezione sia dei circuiti di potenza (fusibili NH00 curva gG) che di quelli ausiliari (portafusibili sezionabili e fusibili10,3×38) prevede l’impiego di fusibili ad alto potere d’interruzione (100kA).
Condensatori Si tratta di condensatori monofasi in polipropilene metallizzato (MKP), dotati di dispositivo antiscoppio e
resistenza di scarica e la loro conformità alle norme è attestata dalle omologazioni IMQ. Sono impregnati in
olio biodegradabile e sono tutti esenti da (PCB). Collegamento a STELLA. Tipo di servizio continuativo.

  • Massima tensione di servizio: 550 Vac
  • Tolleranza sulla capacità: -5% / +10%
  • Perdite per dissipazione: ≤’,4 W/kVAr
  • Categoria temperatura: -25 /D (normativa CEI EN 60831-1)
  • Temperatura minima ammessa: -25°C
  • Temperatura massima ammessa: +55°C
  • Temperatura media giornaliera: +45°C
  • Temperatura media annua: +35°C

Induttanza di linea Realizzata con nucleo in lamierino magnetico a cristalli orientati aventi basse perdite e dotata di sonda termica. Se prevista, consente il disaccoppiamento del carico e del filtro dalla rete, in modo da migliorare la ripartizione voluta delle correnti armoniche fra rete e filtro. Inoltre, garantisce il corretto funzionamento del filtro in caso di variazioni della distorsione di rete. E’ indispensabile nel caso in cui vengano allacciati più UPS in parallelo sulla stessa rete e tutti o alcuni di essi siano completi di filtro.
Induttanza di filtro Realizzata con nucleo in lamierino magnetico a cristalli orientati aventi basse perdite e accordata con i condensatori sulla frequenza specifica da eliminare. Classe H e linearità fino 2In.

  • Frequenza di accordo pari a 245Hz (FA05) (altre a richiesta)
  • Perdite per dissipazione: in funzione della potenza del filtro
  • Massima distorsione armonica in tensione ammessa in rete THD(v)=5% (altre a richiesta)

Protez. amperometrica Scheda PA3, progettata, sviluppata e prodotta dalla COMAR Condensatori S.p.A., controlla e protegge ciascuna delle fasi del filtro. I segnali di corrente delle singole fasi sono trasmessi alla scheda mediante speciali T.A. Interviene disinserendo il solo ramo filtro e attivando una segnalazione di allarme. E’ insensibile ai transitori di breve durata ed il suo intervento è determinato dal superamento della soglia di taratura impostata.
Il ripristino potrà essere effettuato manualmente tramite il pulsante di reset, al cessare dell’evento perturbante.
Normative di riferimento Condensatori: IEC/EN 60831-1/2
Apparecchiature: IEC/EN 61439-1/2

Manuali